Telesorveglianza: solo guardie giurate, no ai portieri

TELEVIGILANZA-stop-portieri

Telesorveglianza = gestione a distanza di segnali d’allarme relativi a beni mobili o immobili che “promuove l’intervento” delle guardie giurate. Lo dice il DM capacità tecnica, ma – conoscendo i pollastri della vigilanza privata – repetita iuvant.
Il ministero dell’Interno ha quindi ribadito, in risposta ad un quesito dell’ASSIV, che solo le guardie giurate possono faretelevigilanza perchè si tratta di attività tipica della vigilanza privata. Insomma, basta mettere dei portieri ai monitor di centrali operative, anche se collocate presso i clienti: servono per forza degli addetti in possesso del decreto di GPG e Istituti di Vigilanza autorizzati ex art. 134 TULPS.
E occhio: chi opera senza autorizzazione è punito per attività abusiva (art. 140 del TULPS), ma anche chi compra servizi di vigilanza da un operatore privo di titoli di polizia potrebbe incorrere nel concorso di persone nel reato (art. 110 codice penale).

Il quesito posto dall’ASSIV chiede anche ulteriori chiarimenti sull’attività di portierato – receptionnelle fattispecie non elencate dall’allegato D del DM capacità tecnica, ed in particolare nel caso della custodia di beni immobili (e mobili in essi contenuti) in orario notturno o di chiusura al pubblico.

Richiamando il Vademecum-Vangelo per i distinguo tra le due attività, il ministero ha specificato che “già a partire dal contratto deve emergere che i compiti affidati ai portieri consistono esclusivamente nella vigilanza passiva” che è tipica dell’attività di portierato, cioè l’attività che garantisce un “ordinato uso dell’immobile”, senza funzioni di sicurezza.

Se invece si svolgono compiti di prevenzione e immediata repressione dei reati in concorso con le forze dell’ordine, eventualmente anche con l’uso di armi, si entra nel campo della “vigilanza attiva“, ossia nel campo esclusivo delle guardie giurate decretate.

Ecco perchè il DM 269/2010 prevede che la vigilanza in orario notturno debba essere affidata solo aguardie giurate: perchè fuori dall’orario di fruizione dell’immobile decade il concetto di “uso ordinato dell’immobile”, ossia di vigilanza passiva.

Ancora non è chiaro? Serve una ripassatina? Scaricatevi qui il parere del ministero dell’Interno.

|

http://www.vigilanzaprivataonline.com/

Questa voce è stata pubblicata in VIGILANZA PRIVATA. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...